ORBITA DI PROCIONE B (DATI HST)

Analizzando più di 1 GB di dati del telescopio spaziale Hubble, prodotti in un arco di oltre 15 anni, sono riuscito a tracciare l’orbita di Procione B attorno alla stella principale.

A causa dell’enorme differenza di magnitudine, questa doppia è una delle più difficili da osservare da Terra, quindi i ricercatori sono stati costretti a richiedere tempo dell’HST per studiare l’astrometria del sistema (vedi Bond et al.). Essi hanno affermato che era impossibile non saturare il CCD con la nuova camera WFC3, quindi in tutti i FITS è visibile il blooming su Procione A.

L’ellisse che ho ottenuto matcha abbastanza bene con l’orbita apparente della nana bianca presentata nell’articolo. Procione B completa una rivoluzione in circa 40 anni terrestri.

Risoluzione di Cerere

Un tentativo di risolvere Cerere (il maggiore degli asteroidi), in opposizione in quei giorni. La terza e la quarta immagine sono state ottenute con la camera ruotata di 90°; si vede bene come l’asse dell’asteroide (che ha la forma di un sigaro) ruoti in accordo. Per comparazione, l’ultima ripresa mostra la PSF di una stella nei dintorni. L’immagine ottenuta (riscalata e sfocata) combacia pressoché perfettamente con la ripresa di Hubble.

Questa immagine è una delle pochissime (tra quelle amatoriali) a risolvere chiaramente questo asteroide.

Sirio A/B

La nana bianca Sirio B si trova in questi anni alla massima distanza dalla stella principale (più di 11″), quindi non è difficile da individuare nel bagliore della primaria, sia visivamente che digitalmente. Le ottiche devono essere ben pulite e il seeing almeno discreto. Il riflesso diagonale nell’immagine è dato dai prismi dell’ADC, ad esso sono sovrapposti i raggi di diffrazione del secondario . L’elaborazione è leggera, per dare un’idea di come appare la coppia visualmente.

Dati tecnici

14″ Newton (Zen optics) ♦ Player One Saturn-C camera

17 ottobre 2022